eBookfest – SanRemo

riflessioni su eBook.

 

per giornalista la possibilita di parlare di cose di avere uno spazio in piu

 

lo pago perche ha un una valore in quanto libro

 

tempistiche dell’editoria classica hanno tempi e scadenze lunghe che non rispondono a tutte le esigenze di comunicare qualcosa nell’immediato e con img e video

 

nn scompare mai un ebook, ha i vantaggi della memoria online vicina all’eterno

 

ebook salva il giornalismo o il giornalismo salva ebook

disintermediazione, slegarsi da main stream,

 

al momento abbiamo gli strumenti per valutare un ebook fatto bene?

 

il valore dell’essere umano emerge sempre

 

contratti per ebook sul diritto d’autore?

 

40 000 caratteri

 

cosa cambia nel metodo di lavoro di un giornalista che scrive un ebook

cosa mi da di piu l’editore digitale?

attività di comunicazione, ufficio stampa etc

attività di consulenza

gestione pratica degli aggiornamenti ( contatto tutti gli acquirenti)

gestione della coda lunga

forme diverse rispetto alla carta

 

archivio lsdi: tirare le somme, comprendere una questione, approfondire, NB esigenze del lettore, dedicarsi a temi di nicchia, ragionare su quello che succederà nel futuro

 

parallelo rivista online ebook

 

la parola chiave pare essere ENGAGEMENT in tutti is uoi aspetti

 

—–

piattaforma da condividere in cui presentare/vendere/promuovere ebook di diverse realtà siano esse testate, lsdi o altro…

Ciao ciao Storify! Benvenuto…

Sì ormai lo sappiamo dal 16 maggio 2018 Storify non esiste più. E che peccato! Il semplice drag-and-drop per raccontare eventi, storie, fatti non è un’esclusiva di Storify, ma le alternative sono davvero poche – direi una (vedrete sotto) –  esistono strumenti simili ma pochi permettono la libertà di azione che offriva storify. Difficile trovare chi permette di inserire contenuti dai social e dal web e organizzarli in un unico posto e gratuitamente.

Era perfetto per le breaking news, per seguire eventi in diretta, tutti i contenuti potevano essere raccolti  e distribuiti grazie ad un’unica url. Continue reading

7 cose da fare sulle piattaforme social

storytelling, content marketing, social media…. ok ok e quindi?

questi termini stanno in piedi e raggiungono il loro scopo solo se, supportati da una strategia comune

come facciamo a parlare di noi sui social in modo efficace e coerente?

Ecco 7 cose da fare:

  • ottimizzare contenuti sui canali digitali, creare una coerenza di brand

che tradotto vuol dire essere consapevoli di quale “spazio” si sta usando per comunicare e non dimenticare mai che l’azienda/prodotto/brand è sempre la stessa

 

  • scrivere testi semplici, circolari ( la stessa info a inizio e fine del messaggio) ottimizzati per gli algoritmi dei  motori di ricerca (SEO)

che non va tradotto significa vedi sopra 🙂

 

  • analizzare a chi mandare cosa

fare quelle che un tempo si chiamavano ricerche di mercato, analisi dei concorrenti e dei propri referenti

 

  • immagine facilmente riconoscibile su tutte le piattaforme

foto/logo di formato adatto per i diversi spazi e sempre completamente leggibile in toto

 

  • non trascurare i contenuti in diretta, e gli aggiornamenti costanti e dai diversi eventi/luoghi… così come fa chiunque ma dal punto di vista professionale, quello del brand

 

  • lavora con gli influencer ma quelli giusti

 

  • nei post trova un equilibrio fra testo e immagini