Corporate Storytelling

by loudge

by loudge

Condivido con voi qualche informazione su cosa c’è dietro la parola storytelling e che cosa vuol dire.

Prima cosa non è una professione, ma uno strumento che diversi professionisti possono usare.

Per utilizzarlo al meglio è importante capire da quale prospettiva/punto di vista intendiamo utilizzarlo: quella corporate, di marketing, cioè di un’azienda che lo usa per comunicare e raccontarsi.

In poche parole cosa è lo storytelling per un’azienda? non significa semplicemente postare sui social media cose/contenuti, ma raccontare/narrare cose/storie in cui le persone possono immedesimarsi.

Perché immedesimarsi? Una volta identificati con il protagonista della storia ecco che nella memoria qualcosa si fissa ed il gioco è fatto: il messaggio del brand è arrivato.

Per creare l’immedesimazione bisogna creare una narrazione attraverso una cronologia ben costruita insieme ad una rappresentazione ben studiata e strutturata.

********************************

12.7.2015 UPTODATE: La struttura narrativa dello storytelling: causa-effetto  è la stessa che usiamo per formulare i  pensieri, per prendere alcune decisioni. Le persone non comprano i prodotti, ma piuttosto le storie che questi prodotti raccontano.

Che si tratti di foto, video, o testo, la story che stiamo raccontando dovrebbe: 1- rivelare qualcosa di personale o sconosciuto sul marchio, 2- trasmettere un’emozione alla volta (paura, desiderio, rabbia,  felicità…).

********************************

Ecco qualche punto da ricordarsi quando si fa corporate storytelling:

#1 emozione si narra per emozionare

#2 senso/significato il significato che ognuno dà ad un oggetto, costruire significato con il racconto di un oggetto

#3 mondo creare dei mondi – portare alla luce dei mondi, che abbiano valore per chi  dentro essi vede un significato

#4 condivisione la voglia di far partecipare altri alla propria storia e di partecipare alla storia degli altri, il racconto viene condiviso

#5 fare storytelling vuol dire: strategie, persone/protagonisti, comunicazione, engagement

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 − 1 =